button1          
CENTRO ACCOGLIENZA VITA 
Via Lungotronto n. 2, 63100 ASCOLI PICENO (AP)
Tel. 0736 261687 - mail: info@cavascolipiceno.it
ORARIO APERTURA: LUNEDI' e VENERDI' DALLE ORE 10 ALLE 12
FUORI ORARIO 349.7262801 - 335.5856325 - 0736 258889
 
 button2
 

Anna,

 

studentessa di scuola me­dio-superiore, (16 anni) ha rap­porti con un ragazzo che fa uso di droga. Trovandosi incinta (2° mese inoltrato), va all'A.I.E.D. dove le viene detto che, per la condizione del partner, il nascitu­ro potrebbe avere malformazioni. Anna decide per l'aborto. Durante l'iter sanitario per le analisi e i con­trolli incontra un'infermiera che la prende da parte e le dice:"perché ti vuoi rovinare l'esistenza con i rimorsi?" Di fronte alle risposte un po' beffarde della ragazza, l'infermiera non desiste le mette in mano un foglio con il numero di telefono del Cav. Anna telefona, chiede notizie su finalità e compiti e si presenta di persona. In se­guito a lunghi e ripetuti colloqui la decisione è positiva. Si instau­ra un rapporto di amicizia con le collaboratrici Cav, che le offrono un aiuto affettuoso e concreto, soprattutto psicologico ( non tan­to economico perché la famiglia è benestante).

Quando, in occasione della nasci­ta del bambino, sanissimo e bel­lissimo, le volontarie del Cav van­no a trovarla al reparto maternità, dice loro soddisfatta: " guardate che pezzo di figlio! E all'AIED mi avevano detto che sarebbe stato malformato!"

In seguito Anna ha ripreso gli stu­di, ha sposato il ragazzo che ha trovato lavoro; la nuova famiglia è serena: persino i genitori di lei si mostrano comprensivi con la figlia e grati verso il Cav quando hanno appreso tutta la vicenda.

 

Storia 1

Storia 2

Storia 3

Storia 4

Commento finale