Stampa 
- 1985 - Realizzazioni del Cav - Il monumento ai " bambini non nati "
 

Il monumento ai "Bambini non nati" è stato un segno di una evoluta maturazione da parte del Cav, che ha preso  coscien­za della necessità, non solo di un'azione solidale con le donne in difficoltà, ma anche di testimoniare, con un segno visibile per tutta la cittadinanza, il valore della vita umana di cui Dio è l'unico padrone:

monumento ai bambini non nati300

 l'uo­mo ha il compito di servirla, non di sopprimerla o manipolarla. In una società distratta che tende a relegare nel silenzio questo pro­blema, matura nel Cav e nell'am­biente ecclesiale e diocesano, una felice intuizione:

porre nel Civico Cimitero di Ascoli un segno tan­gibile del valore della maternità e della vita nascente, costituito da un monumento-ricordo dedi­cato ai bambini non nati.

 Il luogo è quanto mai appropriato perché invita i fedeli alla preghiera e alla considerazione della vita alla luce della realtà della morte e della speranza  nella  risurrezione.  

 

Il monumento è sorto nel 1985, per volontà del Vescovo S.E. Mons. Marcello Morgante e con la col­laborazione di Eugenia e tutti i volontari del Cav, su una strut­tura preesistente,una tomba di proprietà dell'Opera di Religione della diocesi, ormai in decaden­za, un tempietto, restituito alla purezza del suo stile dai lavori di restauro coordinati dall' arch. Rino Altieri.

Su una massiccia base quadran­golare si innalzano quattro snelle colonne sormontate dall'architra­ve e dal timpano. Sui quattro lati della base sono state incise quat­tro iscrizioni di cui una rappresenta la dedica:

Al BAMBINI NON NATI

IL CENTRO ACCOGLIENZA VITA

le altre tre sono frasi biblico-liturgiche:

"Sei tu, Dio, che mi haitessuto nel seno di mia madre"

"Dio ci ha creati e noi siamo suoi"

"Maria, Madre mia, fiducia mia"

 

Pagina     1  2  3  4  5